RADIATORE PIASTRA ACCIAIO VERTICALE

Consegna 10 giorni

Garanzia sul radiatore 15 anni

Garanzia sulla pellicola 2 anni

 

CONTENUTO DELLA "CONFEZIONE"

Art Factory verticale viene consegnata con:

• Porta salviette magnetico

• Griglia superiore- fianchi laterali avvitati che garantiscono maggior sicurezza

• 2 attacchi inferiori da 1/2” filetto interno interasse 50mm

• 4 attacchi da 1/2” filetto interno

• 3 tappi ciechi da 1/2”- 1 tappo sfiato da 1/2”

• Kit installazione comprendente:

• Mensole GB

• Viti e tasselli

 

INFORMAZIONI PRODOTTO

Consigliato per installazione in ogni ambiente domestico, incluso in bagno ed in cucina
Completamente personalizzabile tramite l’applicazione di una pellicola a finitura opaca utilizzando la nostra galleria di immagini, oppure con con immagini a vostra scelta.

Per poter utilizzare una vostra immagine contattate info@radiatorsonly.com

 

- Pellicola in finitura opaca amovibile (senza particolari competenze tecniche)
- Versione a sviluppo verticale -
- Possibilità di scegliere con le medesime altezze e larghezze, spessori maggiori con rese termiche adatte anche ad ambienti molto ampi.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE

- Materiale acciaio UNI EN 10130:2007

- Passo canali 33,33 mm

- Filettatura collettore 1/2 “ G

- Pressione esercizio 10 bar

- Pressione di prova 13 bar

- Temperatura max d’esercizio 110°C

- Processo di verniciatura a 3 fasi:

- Pretrattamento a caldo e fosfatazione

- Verniciatura di base ad immersione cataforetica

- Finitura estetica con polveri epossidiche

******************

 

Storia della Nascita di Venere

La ricostruzione storica delle vicende legate alla Nascita di Venere, ricostruite da Horne nel 1908, ha molte analogie con quella della Primavera.

Vasari, nel 1550, citò il dipinto assieme alla Primavera nella villa di Castello, che all'epoca di Botticelli era di proprietà dei fratelli Giovanni e Lorenzo de' Medici "Popolani", cugini più giovani di Lorenzo il Magnifico. Ciò ha fatto spesso supporre che il committente fosse Lorenzo il Popolano, che si era fatto dipingere la Primavera, e che i due dipinti facessero parte di un medesimo ciclo mitologico di cui faceva parte anche la Pallade e il centauro, sempre agli Uffizi, e Venere e Marte nella National Gallery di Londra. In realtà nessuna opera in cui sia riconoscibile la nascita di Venere è elencata negli inventari della villa del 1498, 1503 e 1516, per cui venne sicuramente lì trasportata in un secondo momento prima della visita di Vasari. Al tempo del riferimento vasariano l'edificio era di proprietà di Cosimo I de' Medici, che aveva sì potuto ereditare il dipinto dai suoi antenati del ramo "Popolano", ma anche averlo acquistato per conto personale o averlo sottratto durante una confisca di stato[5]. La prima menzione in un inventario della villa risale al 1598

La Nascita di Venere è in genere considerata opera anteriore alla Primavera. Secondo alcuni entrambe le opere risalgono a un periodo vicino, dopo il ritorno del pittore da Roma per affrescare alcune scene nella cappella Sistina (1482) o immediatamente prima del viaggio (1478 per Crowe e Cavalcaselle). Secondo altri la Primavera sarebbe stata dipinta prima e la Nascita di Venere dopo il viaggio. La Yashiro indicò il 1487, Salvini il 1484; la critica moderna propende oggi invece per il 1486.

Esistono alcune repliche di bottega del soggetto, databili entro la fine del secolo. Di queste repliche ne sono sopravvissute tre: una conservata alla Gemäldegalerie di Berlino, un'altra alla Galleria Sabauda di Torino e la terza che si trova in una collezione privata a Ginevra.

Nel corso dei secoli questo dipinto è diventato una delle icone della cultura italiana universalmente conosciute. Anche grazie a questo, un particolare della Nascita di Venere (il volto della dea) è utilizzato nella moneta euro italiana del valore di dieci centesimi.

*************************

 

Nascita di Venere

La Nascita di Venere è un dipinto a tempera su tela di lino (172,5 cm × 278,5 cm) di Sandro Botticelli. Realizzata per la villa medicea di Castello, l'opera è attualmente conservata nella Galleria degli Uffizi a Firenze.

Opera iconica del Rinascimento italiano, spesso assunta come simbolo della stessa Firenze e della sua arte, faceva forse anticamente collegamento con l'altrettanto celebre Primavera sempre di Botticelli, con cui condivide la provenienza storica, il formato e alcuni riferimenti filosofici. Rappresenta una delle creazioni più elevate dell'estetica del pittore fiorentino, oltre che un ideale universale di bellezza femminile.

La Nascita di Venere è da sempre considerata l'idea perfetta di bellezza femminile nell'arte, così come il David è considerato il canone di bellezza maschile. Poiché entrambe le opere sono conservate a Firenze, i fiorentini si vantano di possedere i canoni delle bellezze artistiche all'interno delle mura cittadine.

 

Venere - Art Factory Verticale

€ 809,00Prezzo
IVA inclusa |
    Daco_105381.png
    Garanzia-01.png